Ti è mai capitato di vedere un  Ampelmannchen ??

in Germania i semafori hanno tutto un altro aspetto

A quanti di voi è capitato di vedere un simpatico omino sui semafori?

La prima volta che mi è successo, mi trovavo a Berlino e ne sono subito rimasta affascinata.

I tedeschi sembrano così seri, Berlino così grigia ed invece i semafori fanno sorridere...ma perchè?

Questi omini vennero ideati nel 1961 da Karl Peglau, un psicologo tedesco e disegnati da Anneliese Wegner con lo scopo di ridurre gli incidenti tra automobilisti e pedoni a Berlino est.

La soluzione  fu quella di realizzare segnali più grandi, luminosi, chiari e con aspetto diverso a seconda dell'utenza di riferimento: per lo "stop" abbiamo ad un omino rosso, in piedi, con lo sguardo rivolto frontalmente e braccia  allargate; per il "via libera" l'omino è orientato lateralmente, colorato di verde, con un braccio rivolto in avanti e gambe divaricate nella posizione del passo. La luce gialla fu abbandonata in quanto ritenuta poco significativa.

Con la riunificazione tedesca, nel 1990, la maggior parte di Berlino est abbandonò i semafori per avere la segnaletica stradale uguale al resto della città.

I semafori dismessi vennero trasformati in lampade ad uso domestico da Markus Heckhausen, un disegnatore grafico originario di Tubinga che fondò la società "Ampelmann GmbH". Markus creò un vero e proprio marchio: dalle magliette, alle calamite, alle tazze etc. tutte rigorosamente con l'Ampelmann.

 www.ampelmann.de

 

 


Scrivi commento

Commenti: 0